Di Piccionetti Stefano

Far vedere una ROMA invisibile, quella ROMA che ci scorre davanti agli occhi tutti i giorni ma non notiamo mai.


Le mie Foto


http://picasaweb.google.com/PiccionettiStefano/RomaInTaxi?feat=directlink


I miei video


http://it.youtube.com/dillatutta



Informazioni personali

Campo de Fiori, Roma, Italy
Romano de Roma 52 anni due infarti nove Stent. Rugantino dalla nascita ..Mai dòmo

17 dicembre 2008

Roma.traffico limitato.Tranquilli non perdete la calma ....arriverete...prima o poi.



Ciao
L'Ombra

10 novembre 2008

Caro Veltroni,Guarda che hai combinato!



Taxi, l’ombra delle tangenti sull’era Veltroni: a Roma 40mila euro
per garantirsi la licenza
di Andrea Cuomo
Segnala su OKNOtizie
RomaUn affare per tutti. Tranne che per i romani. Il giro di tangenti sulle licenze dei taxi capitolini scoperto dall’Espresso e raccontato sul numero in edicola oggi è una triste storia di bustarelle, di cialtroneria, di nepotismo che getta una lunga ombra sugli ultimi atti dell’era Veltroni. E su una categoria di lavoratori che in un modo o nell’altro è sempre nell’occhio del ciclone. Perché, dai racconti resi da alcuni tassisti al settimanale, l’assegnazione di 1700 nuove licenze, atto di una presunta liberalizzazione del settore decisa dalla giunta di centrosinistra pochi mesi prima delle elezioni dopo un lungo braccio di ferro con la categoria, sarebbe finita come in una commedia all’italiana degli anni Cinquanta: a tarallucci e vino.
Vino di lusso, si badi: Château Margaux o giù di lì. Perché le mazzette richieste agli aspiranti conducenti di auto bianche dai presidenti delle cooperative per scalare le fatidiche graduatorie erano roba a quattro zeri: 40mila euro era la tariffa per sperare di acquisire un lavoro sicuro. Un’estorsione? Certamente, ma anche un affare. Per chi i soldi li pretendeva, naturalmente; e per chi li versava. Perché a Roma una licenza vale - al fixing attuale - circa 150mila euro. Una sorta di liquidazione per il titolare. A rimetterci è stato solo il Campidoglio: che avrebbe potuto mettere in vendita le licenze, come ha fatto l’amministrazione comunale di Bologna, a 150mila euro l’una. Incassando 255 milioni per far cassa oppure per risarcire i vecchi tassisti dell’aumentata concorrenza e della temporanea «svalutazione» delle licenze. E garantendo la trasparenza dell’operazione.
I racconti riportati dall’Espresso sono impressionanti per la tracotanza di chi utilizza un servizio pubblico come fosse cosa sua. C’è il tassista che paga la tangente al presidente della sua cooperativa di lavoro, ma avendo solo 20mila dei 40mila euro pretesi si trova strozzato dagli interessi del concussore, che mostra una certa dimestichezza anche nel ramo usura. C’è quello che, dopo anni di sostituzioni, vede finalmente vicino il traguardo della licenza stabile ma si vede sempre scavalcato dagli aspiranti colleghi in una graduatoria mutevole come il tempo in una giornata di marzo e, per non perdere il treno (anzi: il taxi) della vita, decide di pagare la tariffa fissa di 40mila euro, blindando finalmente la sua posizione.
A chi finivano questi soldi? I presidenti delle cooperative, che a Roma sono decine, erano i pesci piccoli dell’organizzazione. Il grosso finiva probabilmente a funzionari pubblici. Gli stessi che hanno inzeppato la graduatoria finale di parenti, dipendenti comunali, prestanome. Secondo l’Espresso sulla vicenda ci sarebbe un’indagine in corso. Nel frattempo i tassisti invocano Alemanno: «Ci aspettiamo che il sindaco faccia chiarezza, abbiamo bisogno più che mai di lavorare con tranquillità», chiede Pietro Marinelli, coordinatore nazionale di Ugl Taxi. http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=304189

28 ottobre 2008

Morte di un albero:non frega niente a nessuno questo è triste ...altro che!

E'successo stamattina a via Nomentana, all'altezza di Viale Pola uno degli alberi secolari è caduto,per fortuna non ha fatto vittime ,solo tanta paura.
L'Ombra c'èra e vi assicuro, veder morire un albero centenario è triste, perchè? ti viene in mente che ..quell'albero è vissuto, vedendo tante cose e se pensi alla storia che gli è passata sotto ti rendi conto che in fin dei conti...Ne sapeva più lui che un essere umano e se potesse parlare ne avrebbe da dire come:L'albero di TRILUSSA
P.S.
Gli alberi vanno controllati altrimenti prima o poi ci scappa il morto



L'OMBRA

17 ottobre 2008

Servizio Taxi?Tour a Roma. Carrozzelle Romane: Roma come Calcutta? penso proprio di si!........Di:Piccionetti Stefano



Riguardo alle caratteristiche “botticelle” di Roma.

Ora sono tutti presi a difendere i poveri cavalli ,che tirano le carrozze , ma nessuno dei giornalisti sempre presenti a fotografare i cavalli accaldati in salita a Via del Tritone si è accorto che poco a poco stanno sostituendo i cavalli con dei ragazzi ( magari extracomunitari) che pedalano in salita su dei risciò portandosi dietro due passeggeri a Via del Tritone.
Ma non ci sarà qualche manovra che mira a prendere il servizio che spetta ai Taxi e alle Carozzelle?

MA.............! Domanda?

Dove sono i verdi e ambientalisti che non vedono che questi ragazzi non portano mascherine antismog.

Dove sono i fautori della sicurezza visto che questi ragazzi non portano casco di protezione.

Hanno passato delle visite mediche?strong>Dove sono gli ispettori del del lavoro, avranno controllato i contratti di questi ragazzi che pedalano per chissà quante ore e a che categoria appartengono.

Hanno una abilitazione professionale per il trasporto pubblico visto che di questo in fondo si tratta.

Sono assicurati? Hanno un disco che controlla quante ore di pedali fanno?
Hanno l'iscrizione all'INAIL? sono segnati all'INPS?

Sono collegati con una centrale o con un gps di controllo? (come volevano mettere ai Tassisti) nel caso si sentano male lungo il percorso ,visto che pedalano in salita sotto il sole respirando smog.

I mezzi sono omologati per il trasporto pubblico? e passano una revisione? sono assiqurati per trasporto terzi? come i taxi le carozzelle e i bus nonche i noleggiatori (altrimenti è concorrenza sleale).
A questo punto penso che si tratti di sfruttamento di esseri umani piuttosto che di cavalli i quali è da sempre che tirano carrozze. Ma ! qui gatta ci cova.


Ciao

l'Ombra

P.S

Articoli apparsi questa estate su vari giornali e riviste di ROMA

"Turisti, non prendete le botticelle". E' questo l'appello dell'Enpa che e' stato ripreso in tutto il mondo da numerosi network e che ora viene rivolto anche "ai cittadini".
-----------------------------------------------------------------------------------
L'appello dell'Enpa, lanciato alla Stampa estera, e' stato raccolto dalla stampa nazionale, ma "l'enorme successo comunicativo arriva dalle testate straniere": importanti network internazionali come "l'International Herald Tribune, il Washington Post o la Abc news, ma anche da una miriade (oltre 60 le pubblicazioni in rete) di notiziari locali americani", e dei "maltrattamenti ai cavalli romani si parla perfino a Pechino, sul sito Xinhuanet, e in Turchia, su Turkish daily news". Ma, l'Enpa l'invito finale lo rivolge ai cittadini "a unirsi a questa battaglia di civilta', manifestando il loro disappunto nei confronti delle botticelle scrivendo ai mezzi di comunicazione, giornali, tv e all'amministrazione comunale".
-------------------------------------------------------------------------------------
Pubblicato il 08.07.08 18:20 | Permalink| Commenti(0) | Invia il post
08/07/2008

Gli animalisti ai turisti: non usate le botticelle. Cavalli stanchi, fateli circolare solo di notte
Scritto da: Luca Zanini alle 17:42



Avete mai letto sui vari giornali articoli a tutela di questi poveri lavoratori che aspettano? che a qualcuno scoppino le arterie?

29 settembre 2008

Riforma Gelmini?A proposito di sessantotto a Valle Giulia. Diceva Pasolini :Adesso i giornalisti di tutto il mondo vi leccano il culo Io no, cari.

Salto nel passato,di:PICCIONETTI STEFANO

Un mese fà all'incirca mi sono trovato proiettato indietro di 40 anni, a Valle Giulia(Roma) stavano girando un Film sul sessantotto e dato che era in un parco libero e trovandomi lì in mezzo, mi sono dilettato a scattare.(chi me lo avrebbe detto che ieri,sui tg riprponessero all'incirca, la stessa cosa in occasione della festa del cinema)
Devo dire che sono rimasto un pò colpito da quelle scene altamente reali che ormai non ricordavo più tanto bene,e vi assicuro che malgrado fossero riprese di un film (ossia pura finzione) mi hanno fatto un poco paura .
Ve le propongo così adattate all'epoca
ciao.

L'Ombra.



Ma a Valle Giulia sono legati anche altri versi. Scandalizzando il mondo della cultura (e della sinistra) dell'epoca, Pier Paolo Pasolini compose una poesia divenuta famosa. Era rivolta agli studenti,(e anche quelli di oggi dovrebbero meditare su queste parole) e diceva:

Adesso i giornalisti di tutto il mondo
(compresi quelli delle televisioni)
vi leccano (come ancora si dice nel linguaggio
goliardico) il culo. Io no, cari.
Avete facce di figli di papà.
Vi odio come odio i vostri papà.
Buona razza non mente.
Siete pavidi, incerti, disperati
(benissimo!) ma sapete anche come essere
prepotenti, ricattatori, sicuri e sfacciati:
prerogative piccolo-borghesi, cari.
Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte
coi poliziotti,
io simpatizzavo coi poliziotti.
Perché i poliziotti sono figli di poveri.
Vengono da subtopie, contadine o urbane che siano.
Quanto a me, conosco assai bene
il loro modo di essere stati bambini e ragazzi,
le preziose mille lire, il padre rimasto ragazzo
anche lui,
a causa della miseria, che non dà autorità. (...)


Meditate gente meditate! questo vale anche x i politici,professori e tutti quelli che fomentano i giovani di oggi'i quali a volte non sanno neppure perchè stanno lì a scioperare.
Forse? avete anche ragione, ne sono certo,ma non potete impedire agli altri di dissentire il rispetto delle esigenze altrui è LIBERTA,e DEMOCRAZIA
Cari ragazzi credetemi Siete in un mare di Gui (Vedi: Luigi Gui) altro che Gelmini .
_____________________________________________________________________________________
Un sessantotto Hard.
Roma
Penso che?!

Si! penso che in Italia il sessantotto fù molto ''Hard'' leggero, durato una stagione e poi........tutti al mare.Di allora non rimane nulla si ricorda solo nei Tg dell'epoca, anche i sessantottini, oramai sono spariti, sono pochi quelli che credono che ci fu veramente una rivoluzione giovanile più che altro fu un ..Fuoco di paglia un modo come un altro per essere protagonisti, non come in Francia o negli USA
La vera lotta la fecero i figli di chi nel sessantotto lavorava sodo ( e non aveva il tempo di andare a fare a botte con le forxe dell'ordine a Valle Giulia) e non si ritrovò nulla, del piccolo boom degli anni, fine settanta /ottanta e che ora sono alle prese con la crisi attuale.

Max.
Uno qualsiasi (negoziante)
-------------------------------------------------------------------------------------

Nel 1968 io già lavoravo fuori Roma, in Basilicata, ma senza dubbio quall'anno fu un momento storico di grande importanza
. I giovani avevano deciso che non si poteva più essere soggetti al dominio assurdo di certi tipi di personaggi del mondo politico, universitario e dirigente più in generale.
Io personalmente ebbi occasione di partecipare, in prima persona agli antefatti del '68 perchè nel '62 o '63 gli studenti della Facoltà di Architettura di Valle Giulia a Roma organizzarono, contro i baroni della Facoltà, una delle prime storiche occupazioni di una sede Universitaria; avemmo l'appoggio di molti Universitari della Sapienza ma, dopo pochi giorni dei gruppi cominciarono a politicizzare l'evento e noi, cioè gli organizzatori, primi della protesta, abbandonammo l'occupazione poichè non avevamo nessuna intenzione di essere catalogati in movimenti politici di qualsiasi genere. L'occupazione continuò ancora ma senza il gruppo promotore che aveva organizzato tutto con altre motivazioni più connesse alla vita studentesca che alla politica.
Questi primi movimenti, poi seguiti da altre sedi universitarie d'Italia furono secondo me, i momenti nei quali la discussione finì per sfociare poi nella protesta del '68 che rimane un antefatto importante nella storia del sociale mondiale.

Alfredo Borghini
Artista ,Scrittore ,Pittore.

24 settembre 2008

Stefano Rosso:Ricordo Di Borghini Alfredo, Artista Trasteverino.

Un Ricordo di……Stefano Rosso.

Un artista vero
Via della Scala al ‘’portonaccio’’

Ho lavorato per più di un ventennio a Potenza e da buon romano, essendo lontano dalla mia città, ero sempre attento a quel che accadeva a Roma e, una sera d'estate, seppi che a Potenza, teneva un concerto Stefano Rosso, allora con tutta la famiglia ci recammo a sentirlo. Al termine del concerto ci avvicinammo alla roulotte del cantante e quando lo vedemmo lui mi disse che si ricordava di me perchè da bambino veniva alla Chiesa di Santa Dorotea in Trastevere a seguire gli spettacolini che si facevano allora nei teatri parrocchiali. Ed io in quel tempo suonavo alla chitarra in un gruppo, diretto da Remo Mosca, che si chiamava i "Baby Devils", vissuto solo per qualche anno poichè, tutti giovanissimi, dovemmo lasciare la musica per gli studi; tra i nostri amici del tempo c'erano Lando Fiorini, cantante, Stelvio Cipriani, musicista, Luciano Savoretti, cantante, Alfredo Sciattella, cantante, Sandro Cialente, percussionista, ed altri amici di cui ho perduto memoria.
E…appunto, Stefano Rosso, era uno degli affezionati che seguivano le nostre esibizioni al teatro della parrocchia di Santa Dorotea in Trastevere.
Un ragazzo semplice e bravo come pochi all’ora e credo sia rimasto così fino alla fine.

AlfredoBorghini

Borghini Alfredo: Artista


BORGHINI ALFREDO

Artista ,ha tenuto Mostre personali partecipato a numerose mostre , collettive,in Italia e all’estero con notevole riconoscimento di pubblico e di ottima critica.
Tra i suoi maestri tra gli altri, Luigi Montanarini,Franco Miele, e Renato Guttuso.
Fa parte dell’associazione’’100 Pittori di Via Margutta’’.
Ha esposto in diverse città importanti culturalmente in Germania e altre nazioni.
La sua produzione artistica è rivolta alla composizioni di opere ad inchiostro di china su tela,utilizzando la china quale supporto,avvalorato,di volta in volta,da chine colorate,ottenendo così effetti e colorazioni,mai invadenti,(anche se io lo preferisco nel B&W classico).
Le sue opere fanno parte di moltissime raccolte pubbliche e private: il Museo di arte Moderna di Atene,il museo Archeologico di Etnografico G.Allevi di Offida(AP),la Pinacoteca del Comune di Carsoli,il gabinetto del Sindaco di Potenza,la Pontificia commissione ‘’Justitia Pax’’ nella sede di palazzo San Callisto a Roma,la Pinacoteca di cerreto Laziale(RM),l’università degli studi di Basilicata a Potenza,e varie altre amministrazioni,ed anche della mia collezione privata (sono in possesso anche di provini su cartoncino di quando era agli albori della sua passione)
Saggista , Storico si occupa della Basilicata (dove dal 1965 a vissuto diversi anni lavorando presso la soprintendenza ai monumenti della Basilicata) nel periodo medioevale ed è autore delle seguenti pubblicazioni: Potenza Perché (1984)-Castel Lagopesole (1986)-I Castelli Federiciani nel Vulture(1990)-Acerenza-Città Cattedrale (1994)-Itinerari di Federico II nella Provincia di Potenza.


Ama passare le sue domeniche organizzando visite guidate a Roma nel centro storico ,in modo particolare a Trastevere dove è nato e ne è un profondo conoscitore.
Nella sua giovinezza si è incontrato con diversi personaggi della Roma vera di una volta diventati poi a loro volta artisti in vari campi.

Anno scritto di lui:
D.ssa Nicolai Bianchi, Giornalista critico D’Arte.
Dssa. Mara Ferloni,Giornalista Critico D’Arte.
Prof. De Marco,Poeta giornalista critico D’Arte.
Prof. Giuseppe Giannantonio-Critico D’Arte.

Ho avuto modo, di avere due righe da Borghini Alfredo, riguardo a fatti e storie avvenuti ultimamente, tra le quali un suo pensiero sul sessantotto e due righe su Stefano Rosso che in seguito inserirò sul Blog.

Ciao.

Piccionetti Stefano.

P.S.
Per info su Borghini: E-Mail,alveart@libero.it

Civita di Bagnoreggio:attacco al ponte Tibetano



Civita di Bagnoregio.

Nell’alto Lazio in provincia di Viterbo c’è un paese di nome Bagnoreggio ed è famoso sia per il museo delle auto di Piero Taruffi,pilota di auto di F1 e moto, campione mai dimenticato degli anni 30-40-50 sia perché è il paese di Bonaventura.
Quello che caratterizza Bagnoreggio in particolare è la vicinanza di Civita di Bagnoregio paese antichissimo, se ne parla già alla fine del 500, che venne abbandonato in seguito ad una pestilenza.Civita è collegata a Bagnoreggio da un suggestivo ponte lungo circa un chilometro che attraversa una vallata bellissima ad una discreta altezza, tale ponte può essere paragonato ad un moderno ponte Tibetano anche perchè è percorribile soltanto a piedi. Infatti, nel paese di Civita di Bagnoreggio non vi circolano auto e altri mezzi. Altra caratteristica è che il paese sorge su un colle d’origine tufacea che lo fa scivolare, tanto che (anche se ultimamente il fenomeno si è ridotto moltissimo) ogni anno o due il ponte va allungato di diversi cm. Il fatto di scivolare sulla superficie del colle dove sorge lo ha fatto chiamare dagli abitanti del luogo: ’’il paese che muore’’.
Bellissima l’antica chiesetta e simpatica la corsa degli asini che si corre d’estate.
Non tutti sanno che in questo paese il grande regista cinematografico Fellini nel 1954 girò un film: La Strada, con Giulietta Masina ed Anthony Quinn. Come sia arrivato Fellini a scegliere Civita di Bagnoreggio nel 1954 ancora non si sa, sembra sia stato consigliato da un amico.
Ultimamente si sta studiando un sistema d’ascensori per raggiungere il paese, perchè il tragitto è molto faticoso e lo si vede nel viso dei turisti che lo visitano.

Piccionetti Stefano

Ciao
L’Ombra

31 agosto 2008

E lungo er Tevere Tintarella Romana foto di... Piccionetti Stefano

Anche chi è rimasto a Roma si è potuto godere il sole Teverino,come lo chiamavano i vecchi fiumaroli di una volta.
Forse non tutti sanno che la tintarella, presa sulle sponde, del fiume eterno è molto più bella e persistente e molto più colorita di un marrone chiaro e intenso,perchè i muraglioni del tevere creano un riverbero e un riflesso che fà da specchio,diffondendo i raggi solari uniformemente e.... una volta c'era anche una sabbia da far invidia alle migliori spiagge.
E poi con un pochino di fantasia..........!
Altro che Miami,,,,,Roma beach.
Ciao
L'Ombra



22 agosto 2008

Estate Romana.

L'altra faccia dell'estate Romana.

Roma,d'estate è un mondo a parte,vederla senza auto e eliminando il sottofondo, della confusione,del caos della gente che corre indaffarata,viene fuori una Roma diversa da quella che siamo abituati a vedere tutti i giorni e purtroppo vengono fuori i difetti di questa città che nessuna amministrazione, sia di destra o sinistra riuscirà mai ad eliminare,forse? solo la solidarietà dei Romani potrebbe fare il miracolo.

Ciao
L'Ombra

20 agosto 2008

Ferragosto a Roma?... con un buon gelato al cioccolato.

Per passare un buon ferragosto a Roma,basta poco credetemi e anche chi potrebbe volare via rimane.
Un buon gelato al cioccolato è quello che ci vuole!

Ciao.
L'Ombra

17 agosto 2008

Storie Romane:Er Lustrascarpe de via Veneto.


ER LUSTRASCARPE

Camminando per le strade di Roma antica una volta e forse ancora oggi si incontravano personaggi di tutti i tipi artisti istrioni suonatori cantastorie stracciaroli nobili (finti e veri) e gente qualunque di diverso ceto sociale,ma tutti un pò particolari perchè è vivere a Roma,che ti fa essere diverso, da chi vive in tutte le altre parti del mondo.
All'incrocio di via Veneto e via Ludovisi al centro di Roma (quella della dolce vita degli anni sessanta )c'era una volta ,fino alla metà degli anni 80 un lustrascarpe ,forse qualcuno lo ricorderà,non rammento il nome ,o forse non l’ho mai chiamato ora che ci penso bene, ma era un personaggio di altri tempi uno di quelli che ti inquadrava subito per quello che eri.
Indovinava subito se eri un signore un ladro un artista un poveraccio o un signore e ai voglia a fare finta! come ti mettevi seduto al suo sgabello e ti toccava le scarpe ''eri fatto!''c'è chi legge le mani lui ti leggeva le scarpe!!
------------------------------------------QUELLE DI UNA VOLTA--------------------------------------------ormai quelle di adesso parlano cinese e non credo le capirebbe.

Ciao

L'Ombra

13 agosto 2008

Riguardo alle polemiche sulle carrozzelle Romane.


Riguardo alle polemiche sulle carrozzelle Romane.
(sicuramente c’è qualche altra cosa sotto)

Prima Puntata.

Come era buono quel cavallo de nonno!!

Poco tempo fa si parlava male dei Tassisti :ladri ,approfittatori,addirittura assassini.
Ora si parla male dei vetturini Romani:si approfittano dei turisti ,chiedendo cifre stratosferiche,forse? (ma poi questi turisti così fessi esistono ancora?) dicono che sfruttano i cavalli etc.etc.
Che vuol dire sfruttano i cavalli per tirare le carrozzelle? Ma i cavalli sono migliaia di anni che tirano le carrozze e non inquinano,ora tutto d’un tratto,non lo possono più fare è sfruttamento!ma il cavallo è nato per fare il cavallo e nelle sue particolarità c’è pure quella di tirare la BOTTICELLA Romana .( e poi qualcuno s’è mai chiesto che ne pensano i cavalli, allora è peccato anche farli correre nei velodromi, montarci sopra la domenica solo per hobby e addirittura mangiarseli.
Mio nonno faceva Er’’Vetturino’’ e vi assicuro che il cavallo era uno di famiglia veniva prima di ogni altra cosa, e quando si ammalava era una disgrazia piangevamo tutti oltre al dispiacere anche dalla fame. Ricordo quando mio nonno staccava dal lavoro passava a casa e caricava tutti i nipoti (eravamo sei) sulla carrozzella per andare alla stalla montavamo sul cavallo lo carezzavamo gli facevamo di tutto e lui era contento ,sentiva il nostro affetto, specialmente quando lo strigliavamo e lo foraggiavamo, si strofinava addosso come un gatto, dalla gioia, era felice quel cavallo v’assicuro,
infatti si chiamava GIOIA.
Quando è morto è stata una tragedia “ era morto uno di famiglia”.
L’unica cosa che ci rimase fù il ricordo, seppi poi che la coda ( fù fatta alla vaccinara da nonna ) un paio di ferri dei zoccoli appesi per portafortuna fuori la porta, si fece qualche soldo della carcassa della bestia che venne e riciclata per fare sapone, bottoni e altre cose nei laboratori che c’erano a testaccio sotto al monte dei cocci dove adesso ci sono i locali notturni.
Poi a mio nonno diedero un Taxi al posto della carrozzella ,ma era tutta un’altra cosa: non nitriva non gli dava i mozzichetti sulle spalle non andava a biada ma a BENZINA e non produceva concime,e soprattutto, non ci potevi parlare e a noi nipoti non ci riconosceva però FUMAVA da dietro e puzzava più der Cavallo eeee!….. non era cacca ………….
…………………………………………ERA INQUINAMENTO.
Era cominciato IL MODERNISMO Romano quello delle canzoni.

Ciao L’Ombra
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

4 agosto 2008

In Taxi a Pechino




Pechino: uniforme olimpica per centomila tassisti
Circa centomila tassisti di Pechino hanno indossato ieri l'uniforme olimpica - maglietta gialla, cravatta a righe, pantaloni blu e scarpe di pelle nere. Lo ha reso noto l'agenzia governativa Nuova Cina. "Chi infrangerà la regola sarà multato", spiegano i tassisti. Ma "è meglio non indossare la divisa nella vita privata, per esempio quando si beve con gli amici, perché qualcuno potrebbe pensare che trasportiamo clienti anche una volta ubriachi".


http://unionesarda.ilsole24ore.com/unione24ore

25 luglio 2008

Caldo in aumento i prossimi giorni


Malgrado tutto, non è stata una Estate molto calda ,ma ....prossimamente le temperature aumenteranno .
Cosa fare per difendersi?
Bere!!! molto....acqua si intende e proteggersi dal sole ,basta un cappellino o un fazzoletto in testa ,come facevano una volta i nostri nonni,portare sempre dietro un fazzoletto da bagnare e usarlo per rinfrescarci la testa e il viso è una buona soluzione, tutto questo è già sufficente a risparmiarci complicazioni .
La regola vale per tutti anche per gli animali.
Buone vacanze.

Ciao.
L'Ombra

UN GATTO ROMANO:

5 luglio 2008

Piazza Navona:Rotta la gamba al cavallo della fontana di Nettuno.Ennesimo scempio,telecamere a Piazza Navona più polizia la notte e divieto del vetro





E poi se vi rimane la voglia di rompere un arto o il naso a chicchessia un Kilometro più in là passato il Panteon, verso Piazza del Parlamento c'è un palazzo pieno de busti de somaro, lì ve potete anche sfogà.
Vedrete c'è più gusto che rompe le zampe a un povero cavallo.


Ar Cavallo zoppo de Piazza Navona

“O cavallina, cavallina storna,
speriamo che da casa sua
chi ti ruppe la gamba più non ritorna!
chi fù? chi è stato? ci vuoi dire un nome.
Prova? Fà un cenno. Dio t'insegni, come.
Tu fosti buona... ma, parlar non Sai!( altrimenti sai li Vaffanculo)
altrimenti ci diresti chi fù che ti azzoppò.
Tu stai lì , poverina; a sperar che altri non osano
romperti l’altra gamba.
Oh! ma tu devi dirmi una cosa!
tu l'hai veduto l'uomo che ti moncò la gamba? (sto cornuto infame)
esso t'è qui nelle pupille fisse.
E…sò che se tu potessi scenne giù da sta fontana
due carci ar culo ie daresti.
Si, con rispetto parlando! ma belli forti.
Purtroppo il detto:
‘’Biada la sera e gamba la mattina’’
se pur a l’inverso per te; mai fù più vero.
Che Nettuno in futuro te protegga e… ricorda
Mio caro cavallo bianco mai stanco che:
l'aria del Paradiso è quella che soffia tra le orecchie di un cavallo.
(proverbio arabo)


L’Ombra

25 giugno 2008

Bianca Maria Spironello e....... Giotto.Riflessione: semplice semplice di un semplice, Piccionetti Stefano.



Nei giorni scorsi ho avuto modo di conoscere:Bianca Maria Spironello :artista poetessa pittrice fotografa e che altro...persona stupenda,dal modo di parlare affabulante e... talmente ...non sò dire..completo? saziante per l'anima e la mente.
Nell'occasione mi fece omaggio di una poesia con dedica e affinità (ma non scherziamo essre affini a Bianca Maria Spironello è impossibile) una poesia che vi invito a leggere e rifletterci sopra .
Anche perchè oggi, molta gente è pervasa da una mancanza di sopportazione verso tutti e da una insoddisfazione generale verso i ..Diversi?



Ciao

L'Ombra

Visitate il suo Sito.Una sorpresa

http://www.biancamariaspironello.it/

17 giugno 2008

Lombardino Sergio.La classe non è acqua.





Specialmente raccomandato x i cinquantenni d'assalto, Lombardino è un toccasana per l'animo lo spirito il cervello e gli occhi rilassante ed eccitante insieme, stimola con le sue opere i ricordi di tutti noi e la curiosità dei giovani:da non perdere.
E' meglio della citrosodina.
Dal 19 giugno,giorno dell'inaugurazione, al 19 luglio,in Via degli Scipioni 39 ROMA

Ciao
L'Ombra

14 giugno 2008

Compleanno di: Funari Ugo.

Con la partecipazione di:Piccionetti Stefano, Cioni, Civitillo, Parenti Amici e etc.etc.

Ciao a tutti.

Stefano Piccionetti

12 giugno 2008

A volte per farsi una idea del prossimo,credetemi!! è meglio fidarsi del naso!!!

IL NASO
Piccolo o grande, diritto o malformato, lungo o corto, prominente o delicato, il naso, qualsiasi grande forma assuma, non viene mai meno al suo compito e fornisce sempre indizi validi per individuare la personalità del suo possessore. Per una maggiore completezza di informazioni, bisogna però esaminare il naso non soltanto nel suo insieme, ma anche nei suoi particolari: il dorso, la punta, l'attaccatura e le narici.
VARI TIPI DI NASO
Greco
Tendente a formare una linea dritta con la fronte. È tipico di individui dal grande senso artistico, disponibili alla comprensione e ricchi di interessi.
Malgrado una certa disponibilità alla polemica,
chi ha il naso piccolo
è una persona decisamente allegra, socievole e amante della compagnia.
Denota estrema precisione e grande pazienza, ma anche un individuo dal temperamento sempre in conflitto con se stesso.
RomanoConosciuto anche come "naso aquilino", rivela nella persona desiderio di affermazione e di dominio, grande sicurezza di sé e nessuna disponibilità a lasciarsi influenzare dagli altri.
In giù, adunco
Rivela una natura scontenta, rassegnata e pessimista, sempre in contrasto con gli altri, di cui non apprezza alcuna espressione o comportamento.
Sottile e lungo
Appartiene ad una persona molto intelligente, ma anche chiusa e gelosa dei suoi sentimenti, portata a "smontare" più che a costruire.
In suSpontaneità, apertura mentale ed ottimismo sono le caratteristiche di questo soggetto, che talvolta diventa, però, fin troppo socievole ed invadente.
Molto appuntito
Denota capacità critico-polemiche notevoli, che arrivano talvolta fino al sarcasmo. Un individuo dal carattere tagliente, spigoloso ed incisivo.
Con un incavo prima della punta
Rivela una natura attenta e sollecita, osservatrice, dalle grandi capacità logico-scientifiche, disponibile alla comprensione e molto obiettiva.
IL DORSO
Prominente

Grandi capacità pratiche, obiettività, sicurezza di sé ed una buona dose di autoritarismo sono le caratteristiche principali di un soggetto che possiede un siffatto naso.
Poco pronunciato
Denota un atteggiamento fondamentalmente disponibile ad accettare la varietà degli eventi, sereno, tranquillo, e persino un po' timido verso la realtà e verso gli altri.
Molto sottile
Pur avendo per natura buone doti intellettive, spesso questa persona non è capace di metterle in pratica in adeguate realizzazioni concrete.
LA PUNTA
Grossa e arrotondata

Rivela un individuo molto pratico, teso a raggiungere più le gratificazioni materiali, che le acquisizioni spirituali; queste non gli sono indifferenti, ma certamente si trovano in seconda posizione rispetto ai piaceri più immediati.
Molto appuntita
Denota un soggetto teso soprattutto al raggiungimento di valori spirituali. Non sempre riesce a realizzarsi sul piano pratico. La puntigliosità dell'agire lo porta spesso alla mancata valutazione del problema nella sua complessità. Così non è mai totalmente soddisfatto.
Schiacciata, infossataFurbizia, abilità negli affari e capacità "strategiche" sono le caratteristiche di questo soggetto, che sa combattere anche con durezza per ottenere ciò che si è prefisso. L'innato "fiuto" lo aiuta molto nel prendere decisioni, anche se è un tipo che si può facilmente ingannare.
L' ATTACCATURA
Profonda
Denota sensibilità, delicatezza d'animo, ma anche una certa lentezza nell'affrontare e risolvere i problemi, che comunque nel tempo vengono superati, con solide conquiste sociali e materiali.
Poco profonda
Rivela nel soggetto notevole capacità di adattamento alle situazioni della vita, ma anche un atteggiamento superficiale nei confronti di problemi teorici ed astratti.
LE NARICI
Grandi
Denota sensibilità, delicatezza d'animo, ma anche una certa lentezza nell'affrontare e risolvere i problemi, che comunque nel tempo vengono superati, con solide conquiste sociali e materiali.
Piccole
Denotano una natura amante del dettaglio, puntigliosa, dedita al lavoro, ma diffidente verso il prossimo.
GonfieRivelano passionalità ed un temperamento collerico.Il soggetto ama soprattutto l'aspetto materiale della vita. L'esistenza che conduce è soprattutto soddisfazione emotiva ed intensa delle più varie esperienze. Solo le delusioni sono situazioni che non accetta: esse non gli potranno mai servire da lezione.
StretteTipiche di un individuo ansioso e fragile, sempre alla ricerca di protezione e che, se può, sfugge alle sue responsabilità.
Prominenti
Entusiasmo ed esuberanza caratterizzano il soggetto, sempre aperto verso gli altri e verso ogni nuova esperienza.


Trovato e copiato da non mi ricordo dove e riproposto.

8 giugno 2008

La Morte di un Cavallo: Vetturino tamponato su Lungotevere,dove na' vorta.. ''se annava a prende er fresco adesso è pericoloso!! pure per i cavalli.''




Josep-W-Turner
La morte di un cavallo pallido 1830

Carozzella tamponata sul Lungotevere Vetturino grave. Il cavallo è stato abbattuto

ROMA 7 giugno - « il mio cavallo? sta bene?». Angelo, 30 anni, vetturino di una carozzella romana , non sa darsi pace. Ieri sera e’, stato ricoverato in codice rosso al Fatebenefratelli all’Isola Tiberina dopo che è stato tamponato da un’auto, (a notte inoltrarata) e aver fatto un volo di qualche metro.
Ieri notte, poco dopo mezzanotte stava rientrando con la sua carozzella alla stalla di Testaccio. Lui per terra, il cavallo qualche metro più avanti, esanime e sanguinante.
Il colmo è stato che per abbattere il cavallo c’è voluto molto tempo… prima che arrivasse il veterinario per sopprimerlo: povera bestia!! Una volta gli si sparava un colpo alla testa ed era finita, lì per lì, velocemente adesso si fà una iniezione.
Chissà che ne pensava il cavallo?
Ma i vigili non portano pistole ,(questa era un’occasione utile)speriamo che le portino presto.
Non è stata una bella scena detto da uno che è cresciuto tra i cavalli le carrozzelle e i cavallari de na vorta.
La morte di un cavallo è sempre una cosa triste da vedere ,mi da sempre l’idea che quando muore un cavallo, muore sempre un po’ di libertà .chissà perché.

ER VETTURINO de ROMA



Ciao
L’Ombra

Abolizione Ici prima casa, tutto quello che c'è da sapere

Abolizione Ici prima casa, tutto quello che c'è da sapere

Via l'Ici prima casa anche a Roma, come previsto dal decreto legge n. 93 del 29 maggio 2008 – che elimina l'imposta per l' "abitazione principale", ovvero l'immobile in cui il proprietario abita e ha la propria residenza anagrafica –. Lo comunica il Dipartimento Entrate del Comune, precisando che la norma non ha valore retroattivo e vale, quindi, solo per gli importi a partire dal 2008.

Già in occasione dell'acconto del 16 giugno, dunque, i proprietari di sola prima casa non dovranno più pagare l'imposta, mentre chi possiede diversi immobili non dovrà considerare l'abitazione principale nel calcolo Ici. Da ricordare, inoltre, che anche i locali strettamente pertinenti all'abitazione principale – box o posto auto, più una cantina o una soffitta – non pagano l'Ici, anche se registrati separatamente al catasto.

Continuano invece a pagare l'Ici le prime case accatastate in categoria A1, A8, A9 (abitazioni di lusso, ville, castelli), alle quali continuerà ad essere applicata la detrazione annuale di 103,29 euro.

L'esenzione è invece estesa ai seguenti casi (assimilati all'abitazione principale):
- abitazioni concesse in uso gratuito a parenti e affini (fino al secondo grado) che vi risiedono;
- abitazioni di residenza di soci di cooperative edilizie a proprietà indivisa e abitazioni Ater regolarmente assegnate;
- abitazioni di proprietà di disabili e anziani ricoverati o residenti in case di cura o riposo, purché non date in affitto;
- abitazione tenuta a disposizione da un cittadino italiano residente all'estero, purché non affittata;
- abitazione di proprietà di coniugi separati, anche per il coniuge non assegnatario che non possiede un'abitazione principale nel territorio comunale;
- unità immobiliare acquistata per essere destinata ad abitazione principale dal proprietario, anche se il proprietario non vi risiede anagraficamente, per un periodo massimo di 12 mesi.

Per tutti gli altri immobili di proprietà, l'Ici resta in vigore e il suo importo dovrà essere calcolato in base alle aliquote 2007 (invariate). La scadenza per il versamento dell'acconto rimane fissata al 16 giugno, quella per il saldo al 16 dicembre. E' comunque possibile pagare l'importo totale in un'unica soluzione, ma sempre entro il 16 giugno.

Per informazioni chiamare il call center del Campidoglio 060606. Per saperne di più, vedere le pagine del Dipartimento Entrate e il manifesto Ici 2008.

31 maggio 2008

Sedotte e abbandonate. Mitici anni 70 donne e motori pantaloni a campana e.... molto di pìù.



Ricordi di un tempo bello che non c'è più.
Giovinezza bruciata.
Donne e motori.
Tutta un'altra classe.
Immaggini solo per uomini veri, con passato di pantaloni a campana,giacche strette, camicie nere o bianche sbottonate con collettoni, stivaletti corti e tacchi alti capelli lunghi stirati e borsello in pelle,catene d'oro al collo, Rayban e petto peloso.

Buona visione non eccitatevi troppo.
Ciao
l'Ombra

Strscie BLU :basta!! era ora

Roma, il Tar cancella


Il Tar Lazio ha accolto il ricorso La sentenza del Tar ha stabilito l’annullamento delle delibere del comune di Roma che istituiscono in tutta la città i parcheggi a pagamento.

Alemanno e Marchi: "Non faremo ricorso contro la sentenza"
«Non faremo ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che ha dichiarato l’illegittimità delle strisce blu così come disciplinate dalla precedente amministrazione di centrosinistra. Aveva quindi ragione l’allora opposizione di centrodestra a sostenere il carattere vessatorio della disciplina dei parcheggi a Roma». Lo dichiarano in una nota il sindaco di Roma, Gianni Alemanno e l’assessore alla Mobilità del Campidoglio, Sergio Marchi.

«Lavoreremo da subito - prosegue la nota - con le associazioni dei consumatori e con i cittadini affinchè si possa giungere ad una disciplina che stabilisca un nuovo equilibrio tra strisce blu e strisce bianche. Abbiamo già inoltre provveduto con una circolare inviata all’Atac a bloccare le macchine di riscossione della sosta, così come intendiamo tranquillizzare i 650 dipendenti della stessa azienda che saranno rioccupati in altre funzioni per aiutare la mobilità della città».

21 maggio 2008

Er Nasone:Fontanelle Romane,di Piccionetti Stefano




Dalla rinascita dell'Urbe in poi, a partire dal 1400, iniziò il ripristino della rete idrica romana andata in rovina nel Medio Evo. Piano piano, il nasone tipica fontanella romana di ghisa diventa oggetto familiare e comune arredo urbano romano; i nuovi quartieri, realizzati, sono "arredati" da numerosi nasoni; Testaccio 1910-1915 o la Garbatella 1930.Furono installate per la prima volta nel 1874, per iniziativa dell'allora assessore Rinazzi, ed erano dotate di tre bocchette di varie forme cambiate negli anni.
A guardarli bene,i nasoni, non sono proprio tutti uguali; nel corso del tempo l'originaria iscrizione "Acqua Marcia" non è stata più riportata così come la rappresentazione dal fascio littorio durante il ventennio fascista.

L'Ombra


L’acqua der Nasone:

L'acqua che score dar Nasone.nun la paghi niente
e se pò beve a gratis,
da turisti, pellegrini, romani
e….. te ce poi pure lavà le mani.

L'acqua,che score da'sta' fontanella
nun finisce mai, è… come un fiume in piena,
come le parole che… sorteno da la bocca dei
romani, nun te fanno male.
Ma te se magnano’’come na iena’’.

Score come un temporale e…..
non la poi fermà ,te travorge
come un carroccio senza freni
giù pe Santo Onofrio,
sembra venì fori dar niente ....
ma… te rinfresca l’anima l’occhio e pure la mente.

Meio! Sarebbe? pe quarcheduno,
che dar Nasone ce uscirebbe er vino..
ma… ce sarebbe mezza Roma imbriaca
e chissà? forse sarebbe meio…..
sicuramente tra la gente, tornerebbe più sincerità….
che ultimamente- è un pò carente.

Anonimo

16 maggio 2008

Trastevere:quello de na' vorta!

Questo era Trastevere vero.



Ciao.
L'Ombra

Campo nomadi a Roma.Località Salone.Breve Clip di Piccionetti Stefano:che fare?

Breve Clip.




Mandate un vostro commento su come risolvere il problema nomadi.

Ciao
L'Ombra

5 maggio 2008

REPORT del 4 maggio 2008: Report di domenica quattro maggio:La verità su Porte di Roma e le colpe del comune di Roma-inchiesta Rai Tre-

Porte di Roma: Da REPORT.

Ecco perchè hanno perso le elezioni ,mandavano in onda i tg3 facendo passare i tassisti per la pietra dello scandalo di questa città.
In questi ultimi due anni si parlava di taxi solamente,serviva a coprire tutto quello che si faceva nella periferia est di Roma solo ora Report ne parla ,finalmente!
Fai copia e incolla sul sito riportato sotto, è di Report e vai sul video: Re di Roma (lato dx) del sito.
Guardate e poi meditate gente meditate.
I tassisti sono stati agnelli sacrificali solo perchè dicevano la verità su questa giunta.

http://www.rai.tv/mpprogramma/0,,^^5685,00.html

Ciao
L'Ombra

Taxi a Roma: ecco La Verità




Questi i principali titoli dei quotidiani romani di oggi:

LA REPUBBLICA:

http://www.roma-citta.it/roma/news_13191---Rassegna-stampa---Che-cosa-dicono-i-giornali-oggi---cronaca.html

Apertura dedicata alle tangenti per le case: "Comune, tangenti per case e TAXI - Tre indagati. Un tariffario che andava da 10 mila a 25 mila euro - L'inchiesta del procuratore aggiunto.

Ecco perchè avevano tanta fretta!di aumentare il numero dei Taxi a Roma,altrochè per le file alla stazione Termini,come vi hanno fatto credere altrochè le file della povera gente in pelliccia a Piazza di Spagna in attesa dei Taxi,dopo aver fatto la spesa da: GUCCI O VALENTINO A VIA CONDOTTI (povera!! popolazione Romana) vengono fuori ora tutti gli altarini!
Altroche! tre indagati troppe ne verranno fuori di storie come queste e vi assicuro che sono tutte vere,conosco gente che in famiglia a preso''3 licenze taxi'' e pensionati a 1800 euro al mese!! che anno preso la licenza taxi e figlie di altri colleghi che anno preso la licenza taxi e subito affittata per accudire i figli o le nonnine o perchè rimaste incinta,pochissimi gli aventi diritto o bisogno.
Molti di questi non aspettano altro che scadano i cinque anni di possesso per poter vendere poi le licenze,non potevano almeno darle ai futuri disoccupati ALITALIA o a qualche cassaintegrato, almeno avrebbero alleggerito il peso sulle casse dello stato e ridato un poco di dignità a gente che per colpa degli sbagli d'altri non lavora.

ciao a tutti

L'Ombra

2 maggio 2008

29 aprile 2008

Roma,Alemanno-Rutelli :il perchè di una sconfitta




Il perchè di una vittoria,

Alemanno: "Roma volta pagina"
"Comincia una nuova fase,a Roma si volta pagina". Queste le parole di Gianni Alemanno che ha salutato la sua vittoria su Francesco Rutelli. Le priorita' dell'amministrazione capitolina, guidata da Gianni Alemanno saranno "mobilita' e sicurezza".

LA PULUZIA DELLE STRADE?
Ciao
L'Ombra

P.S.I taxi? no! no credo sino stati determinanti sono stati determinanti i Romani .

28 aprile 2008

Petrolio a 120 dollari al barile:effetti sulla vita di tutti i giorni per i Lavoratori.



Il petrolio a 120 dollari al barile cosa comporterà nella vita dei lavoratori?

Il petrolio a 120 dollari al barile ,certamente cambierà le abitudini di molti Italiani ,specialmente sul posto di lavoro .
Ci sarà sicuramente una ottimizzazione dei tempi per migliorare i consumi tutto ciò imporrà nuovi stili di vita ai lavoratori dipendenti e autonomi.
Qualcuno già sta sperimentando nuove tecniche di risparmio di energia: come si vede da questa foto scattata a Roma durante il ponte del 25 aprile.

Ciao

L’Ombra

Fiat 500 Raduno di -Ostia Lido- del 27 aprile 2008 nell'occasione del ponte per il Natale di Roma "25/04/2008.

La fiat 500 un mito senza tempo:

La nuova 500 sarà anche bella e particolare ,ma la vecchia è e sarà sempre un indimenticabbile Mito. Questo è il video del raduno delle 500 a Ostia il 27 aprile 2008.
Ciao
l'Ombra

17 aprile 2008

Il progresso



Il mondo Cambia.

Un'altra auto che ha fatto storia è in via di sparizione.il famoso taxi nero che da cinquant'anni fa parte del panorama londinese è a rischio. La ditta che produce i classici taxi inglesi, ha lanciato una campagna per la rottamazione, offre tremila sterline per sostituire la vecchia e gloriosa Austin FX4 presentata nel 1958 e prodotta con vari aggiornamenti fino alla fine degli anni ottanta.
Ciao L’Ombra

13 aprile 2008

Exit Pool:sono già usciti ,li ho visti.



I polli sono usciti

Una volta uscivano ogni cinque anni.
Adesso ogni due!....o forse era meglio quando uscivano una volta l'anno?
Si cari signori adesso ci ''ammorberanno'' per due giorni -co stì polli usciti,detto alla Romana ,in inglese Exit Pool.
Sarà?

Un Pollo matto da legare, detto alla Little Tony
Un pollo pollo impossibile,detto alla Nannini
Un pollo senz'anima ,detto alla cocciante

Per me? l'è un pollo sbagliato è un pollo da rifare.
Perchè? ne riparleremo tra un paio di anni.

Ciao
L'Ombra

P S. A proposito di polli Leggete questa ....per passare un minutino.

Il Pollo di RINGO
Quaggiù nel Montana fra i campi di biada
C’è sempre un pennuto che varca la strada.
Lasciati gli amici laggiù nel pollaio
lui viene a sfidare i bisonti d’acciaio,
e schiva veloce una Polo e una Twingo,
signori, quel pollo lo chiamano Ringo.
Ringooooooo, Ringooooooo
Una Volvo si para in corsia di sorpasso:
l’autista sogghigna da vero gradasso,
ma il pollo non trema, e balzando di lato
con agile mossa l’impatto ha schivato,
la Volvo, sbandando, finisce nel fingo,
sarebbe nel fango, ma è per far rima con Ringo.
Ringooooooo, Ringooooooo
Siam giunti alla fine, al duello mortale:
un TIR si è piantato sul manto stradale.
Lampeggia coi fari, il motore ruggisce;
il pollo sorride da sopra le strisce.
Son soli, di fronte, l’autista minaccia “Ti faccio al tegame
è ormai mezzogiorno, ed ho molta fame.
Ma c’è la stradale e più in là non mi spingo,
hai vinto di nuovo, diabolico Ringo!”
Ringooooooo, Ringooooooo

11 aprile 2008

Elezioni 2008 :comunque vada sarà un successo.Vincono tutti ,perdono solo i cittadini!....in decoro urbano.



Elezioni 2008 :comunque vada sarà un successo.Vincono tutti ,perdono solo i cittadini!....in decoro urbano.

Pur di vincere passano sopra a tutto,anche a un minimo di rispetto per il decoro cittadino,questo ci rimarrà delle elezioni 2008,tanta monnezza.
Bisognerebbe votare chi non ha sporcato.

Ciao
L'Ombra

8 aprile 2008

Manca solo il messaggero ! ''Gabbinetti pubblici a Roma'' molto rilassanti.



Se vi dovesse scappare, mentre rimanete bloccati, sulla tangenziale di Roma nei pressi di Pietralata approfittatene!!!!!intanto altri,di gabbinetti pubblici non ne trovereste.
E' gratis!!! non dovete andare al Bar e prendere un caffè.
Questo offre l'amministrazione capitolina.

Ciao

L'Ombra

Vota Antonio ......Vota Antonio...... Elezioni 2008 l'Africa è molto vicina ...credetemi.



A ognuno il suo candidato,questa è democrazia.
Camminando per le periferie di Roma, si legge di tutto riguardo alle elezioni 2008,(a parte le promesse dei candidati) dallo sfottò alle varie prese in giro ma questa foto,scattata in periferia dove vivono molti extracomunitari, è molto eloquente riguardo alle loro intenzioni di futuri Italiani e alle loro preferenze riguardo alle candidature.
Non credo che si integreranno mai del tutto! Voi che dite?

Ciao
L'Ombra

3 aprile 2008

Meno male che Silvio c'è.....!



Se ne vedono tante di stronzate su Internet ma questa le batte tutte.
Siamo al paradosso sia a destra che a sinistra.
Credo che tutti ormai sapete come la penso, in via di massima per quello che riguarda la politica,ma a tutto c'è un limite.
Per ''DILLATUTTA''L'Ombra si tira fuori da oggi da questo caos politico.
Insomma.....Siamo uomini o caporali?

Ciao
L'Ombra

1 aprile 2008

Un uomo di pezza papere di plastica ......un mondo irreale

Milano-Roma: Supermen e il Pendolino delle ferrovie dello stato..''Faccio prima a piedi!!''



Vi giuro! stava alla stazione Termini sere fà, a me? sembra proprio lui: SUPERMEN (o come lo si chiamava una volta NEMBO KID) lo ho fotografato al Volo ..... non bene ma era troppo veloce, stava in ritardo col pendolino!!!! ha detto che la prossima volta andrà a piedi, da Milano a Roma (lui si che arriverebbe prima ) noi poveri mortali NO!!!!(ma forse camminando di buona lena)

Ciao
L'Ombra

31 marzo 2008

Mio caro amico ti scrivo così ci ragioni un pocchino La Cina non è vicina: Nessun Dorma.





Cina …….. Tibet, boicottiamo le Olimpiadi?

Gli scontri nelle strade di Lhasa, la repressione cinese, le vittime e le accuse fra Pechino e il governo Tibetano in esilio.
L'ipotesi? boicottare le Olimpiadi di Pechino di agosto 2008 ?
Cosa ne pensate?
E' giusto minacciare la Cina di ritirare gli atleti o no? addossare ad un evento sportivo significati politici è cosa buona o no? Ditelatutta la vostra opinione.

Ma…. Attenzione per quello che riguarda la Cina ‘’NESSUN DORMA’’

Fucilazioni,inquinamento,nessun rispetto x i deboli nessuna libertà di religione niente libertà di parola,nessun rispetto delle regole etc.etc.

Ma la Cina è COMUNISTA?

Ciao
L’Ombra

17 marzo 2008

IL vecchio e il cane





Il Vecchio e il cane
STAVA ,IL VEGLIARDO,SU DI UN CEPPO ASSISO
A RIGIRAR LA SABBIA DEI RICORDI
CERCANDO IN QUEI SUOI SEGNI RIVELATO
L'INUTILE COLAR DELLA SUA VITA.
E SE NE STAVA LI', DI FRONTE AL SOLE,
COL SUO CAPPELLO SPORCO E MALANDATO,
LA SUA CAMICIA PRIVA DI COLLETTO
RINCHIUSA DA UN ROSARIO DI BOTTONI.
NASO GRONDANTE, BARBA QUASI INCOLTA,
CAPELLI BIANCHI ABBANDONATI E RADI,
SCARPE CON SPAGO E CALZE RICADENTI.
ASSENTE AD OGNI STIMOLAR CHE FOSSE
IL MEN CHE: SI POTESSE RICAVARE
DA UN OBLIAR DI COSE ORMAI TRASCORSE.

IL RIMEMBRAR DI GIOIE E DI DOLORI,
DI FATTI MAI ACCADUTI E PUR PRESENTI,
DI VOLTI AMATI E DI SOSPIRI INFRANTI,
DI FUGHE DI ABBANDONI E DI LANGUORI.
ED ORA E' LI', COL SUO FARDELLO IMMANE,
DI ANGOSCE RIESUMATE E MAI VISSUTE,
SENZA PIÙ' SPEME ALCUNA TRA LE MANI.
E PARLA AL CANE,SENZA DIR PAROLA,
PERCHE' IL SILENZIO SIA IL DIALOGARE,
COME LO FU PER LUI.
TRA DUE ANIMALI DAL TACITURNO ERRARE,
UNO, PERO’, IN CERCA DEL SUO DARE
E L'ALTRO COL MORIR SENZA AVER DATO.
29 DICEMBRE 1996
TANO RANERI

16 marzo 2008

Cosa farò da grande!



Attento a chi va in giro per l'Italia (magari con un pulman perchè non sà volare) declamando di essere una colomba.
C'è sempre il risvolto della medaglia ,l'alterego della gente, non lo si sà mai quale è.
C'è chi nasce o si sente colomba e poi?.......Chissà cosa farà da grande.
Meglio fidarsi di chi si conosce bene per quello che è ed ha,l'invidia è una brutta cosa!
Meditate gente meditate.

Ciao
L'Ombra

Incontri ravvicinati del tipo?:nun ce manca niente.

Questa è Roma signori:in centro tutto bello,pulito con piante,fiori,gazebo ai Fori Imperiali che vendono marmellata ecologica,piste per biciclette,belle iniziative dei sempre verdi,manifestazioni varie per fare sì che i nostri amministratori capitolini possano fare bella figura,innaugurazioni,feste quì e la, etc.etc.
Poi andando a spasso per le periferie di Roma è questo che si trova sui marciapiedi !!!
Attento a dove mettete la crocetta le prossime elezioni per decidere chi dovrà amministrare questa Città ,é ora di cambiare musica ,questa è monnezza già vista.

Ciao
L'Ombra

6 marzo 2008

Gabinetti pubblici a ROMA? ''Se ti scappa... corri''.

Oggi a Roma, se cerchi un Taxi lo trovi(grazie a Veltroni).
Ma,se ti scappa un bisognino? Prendi un taxi e... corri dietro al ....CESSO!!!. Gabinetti pubblici a Roma?....ZERO!!!, oppure, potete andare al bar e prendere un caffè ,ma se soffrite di prostata ,la sera a forza di caffè rischiate l'infarto,o in alternativa fate come tutti....usate l'angoletto ma!!....Attenzione è una ''PISCIATA PERICOLOSA'' come recita l'antica poesia-der Belli.
Altimenti? Correte/____________________)

Ciao
L'Ombra




LA PISCIATA PERICOLOSA

Stavo a piscià jerzera lì a lo scuro
Tra Madama Lugrezzia e tra Ssan Marco,
Quann'ecchete, affiarato com'un farco,
Un sguizzero der papa duro duro.

De posta me fa sbatte er cazzo ar muro,
Poi vò levamme er fongo: io me l'incarco:
E con la patta in mano pijo l'Arco
De li tre Re, strillando: « Vienghi puro ».

Me sentivo quer frocio dì a le tacche,
Cor fiatone: « Tartàifel, sor paine,
Pss, nun currete tante, che ssò stracche ».

Poi co mill'antre parole turchine
Ciangottava: « Viè quà , ffije te vacche,
Che ppeveremo un pon picchier te vine ».
Roma, 13 settembre 1830

Diamo a Cesare quello che è di Cesare...ma pure a Romoletto, diamo quello che è suo!

E'ora di cambiare al di fuori dei discorsi politici ''per dillatutta''non è possibbile che Regione ,Provincia e Comune siano tutte dello stesso colore non è democrazia chi controlla, cosa fà l'altro?

Ciao
L'Ombra

3 marzo 2008

Una vita tranquilla: ''ER CICCA''



Mica se campa solo per mangiare,dice ER CICCA,Un bicchier de vino e un pacchetto de cicche ce Vò.
Ma ammazza che prezzi!!
Vale de più uno Straniero.

Ciao
L'OMBRA

29 febbraio 2008

Dalla ''Prinz al Viagra'' passando per Praga la Luna Valle Giulia il concerto del 1Maggio Denunce dei redditi on-line. dal 68 a oggi tutto uguale.



A Praga era Primavera, sul verde delle foreste del Vietnam volavano i B52 e Linda Ballava con Batisti e Mogol.
Quelli di sinistra senza una lira si facevano due palle con gli Intillimani ,i rossi e i neri con i soldi si corcavano di botte a Valle Giulia , e io mi accorgevo che la mia adolescenza sfumava e più passava il tempo e più erano cazzi amari.
Nel 69 Jmmi Endrix a Wodstok suonava l’inno americano con la sua mitica chitarra bianca .
In italia spopolavano gli Equipe 84, e si mettevano i fiori nei cannoni ma poi si sparava sui dimostranti.
La festa dei lavoratori non si festeggiava perchè non c'era tempo,(bisognava lavorare)il concerto del primo Maggio a San Giovanni ancora non c'era (e non c'erano ancora tante Tv nelle case).
Il primo maggio si andava fuori porta, sul prato ,a mangiare la fava cor pecorino!!
(oggi lo fanno solo gli extra comunitari ai giardinetti pubblici)
Nel frattempo era già morto Ernesto ….
I Nomadi cantavano Dio è morto…. Poi… Risorto, Litle Toni? cuore matto! (ma batteva !) l’unico non risorto era il primo trapiantato da Barnard .
Se poi ci vogliamo rompere i co…siddetti con la cronaca di quegli anni c’è da dire che non fregava nulla a nessuno della famosa rivolta degli anni 68-69-70 dei lacrimogeni etc. etc. perchè dopo le manifestazioni i giovani di allora quelli del 6 politico se ne andavano al Circeo,occhiali RaiBan sul naso con il duetto Alfa Romeo o la Mercedes di papà .
I politici INVECE sfruttavano la situazione per loro scopi e basta (e alcuni sono ancora lì) .
Tutto ciò accadeva nella città eterna,lungo le sponde del Tevere
Gli americani andavano sulla luna e issavano la loro bandiera ( tra l’altro nel primo equipaggio che andò sulla luna c’era guarda caso uno nato a Roma a Via TEVERE (Michael Collins (Roma, 31 ottobre 1930 che prese parte ai programmi Gemini e Apollo.)



La borghesia media andava in Prinz utilitaria di LUSSO per imbranati, classica nel suo verde bottiglia, per chi la possedeva essere imbranati era obbligatorio, famosa la scenetta di… mi pare Montesano in qui il proprietario della Prinz fa marcia indietro girando solo il collo con tutte e due le mani sul volante .



Cera anche la Simca altra utilitaria dell’epoca sempre x imbranati. Comunque andiamo sul frivolo…Caterina Caselli cantava una delle più belle canzoni di Paolo Conte :insieme a te non ci sto più.bellissima.
La corte costituzionale decideva che le donne che tradivano gli uomini non commettevano più un reato …a buon’ora fatto era che la mia prima fiamma mi mollava per uno biondo alto e nerboruto erano di moda le palestre e le prime pozioni magiche per i muscoli.
Nel frattempo Tina Turner spopolava nelle discoteche.
E….. Je T’aime …dove la mettiamo prima in classifica mondiale ma alla radio non la passavano mai era censurata!!!!la ricordate faceva tra sospiri e voci ansimanti su per giù cosi:
GIA FATTOOOOO?.......(il viagra ancora non c’era),ma c’era la CIRIOLA ( il pane a prezzo imposto ) che andava bene a tutti.

Internet non c'era non si sapeva una benemerita cippa....gli Italiani guadagnavano il giusto e se c'era chi guadagnava molto non andava in rete con i''Redditi Online'' ma in TV e la gente la sera la vedeva e non era invidioso.
Sono passati più di quaranta anni,in questa cazzo di Italia si stava meglio quando era peggio .

Ciao la Vs.
OMBRA

19 febbraio 2008

Fischia che ti passa



Dopo le notizie sui personaggi che si vogliono candidare a sindaco di Roma .........,
non ci resta che farci una bella fischiata: come questo individuo,ieri appena resi noti i nomi dei pretendenti alla poltrona sul Campidoglio.
In fondo che che c'è da dire o fischietti o te spari!
ciao
L'Ombra

17 febbraio 2008

Il faro al Gianicolo.Omaggio degli Italiani d'Argentina



Oggi tutti i politici fanno a gara a chi la spara più grossa....:faccio quì faccio là etc.etc. sarà! ma a me me sembra che...? si vogliono mette in mostra come er Faro der Gianicolo.
MA FORSE...?
Non tutti sanno che?
Questo faro, conosciuto come “il Faro del Gianicolo”; venne donato a Roma nel 1911 dagli Italiani di Argentina ed è opera di Manfredo Manfredi. Tra le sue opere principali c'è anche: la Tomba di Vittorio Emanuele II nel Pantheon; e all'estero,il monumento all'Indipendenza a San Paolo del Brasile.
Da questo punto del Gianicolo si ammira uno dei più bei panorami di Roma.
La notte si possono ammirare le sue tre luci colorate(il tricolore)che provengono dal faro.
Quando funziona perchè spesso e rotto.
Caratteristico nel colore e nell'architettura avveniristica per l'epoca a Roma si usava dire, quando uno si vestiva con un abito un pò eccentrico:
''AO ME SEMBRI ER FARO DER GIANICOLO''

Ciao
L'Ombra

14 febbraio 2008

I Nummeri: Trilussa......lui si che diceva er vero.

Giorni fà,mentre stavo davanti alla TV sentivo i politici che ora vogliono correre da soli perchè poi una volta arrivati =vonno fà come je pare=.
Mi è venuto in mente che una volta cinquanta e passa anni fà già ci fù uno che disse: ''Italiani seguitemi'' o sbaglio?
Comunque mi è rivenuta in mente una poesia del gran Trilussa che andrebbe letto dai citadini e dai politici anche perchè in Italia ci sono sessantamilioni circa di persone siano essi numeri ZERO che numeri UNO.
Tutti devono essere rappresentati anche quel tre per cento che nessuno vuole.
Meditate gente meditate,una volta è già successo.
Pensando di farvi cosa grata, la poesia de Trilusa ve la ho qui riportata.

ciao
L'Ombra



Li Nummeri.

Conterò poco, è vero:
- diceva l'Uno ar Zero -
ma tu che vali? Gnente: propio gnente.
sia ne l'azzione come ner pensiero
rimani un coso vôto e inconcrudente.
Io, invece, se me metto a capofila
de cinque zeri tale e quale a te,
lo sai quanto divento? Centomila.
È questione de nummeri. A un dipresso
è quello che succede ar dittatore
che cresce de potenza e de valore
più so' li zeri che je vanno appresso.

Trilussa

13 febbraio 2008

C'è qualche cosa di nuovo nell'aria



C'è qualche cosa di nuovo nell'aria stamattina a Roma.
Il nostro caro sindaco,se ne è andato peccato,ma forse era ora dopo tanti anni speriamo di vedere al campidoglio qualche viso nuovo.(sogno di primavera)
Ma a volte tornano i vecchi incubi.
Aglio e sale (un rimedio antico) ferro di cavallo e corno rosso.
Ciao
L'Ombra

9 febbraio 2008

Scendi Garibaldi che c'è bisogno di rifare l'Italia



AL GIANNICOLO, ottavo colle annesso oltre a un bel panorama di Roma *Città ETERNA*,c'è una statua (proprio di fronte al teatrino di purcinella-a buon intenditor poche parole-) quella di Garibaldi EROE dei due mondi.(o forse un mercenario dell'epoca !!)
A Roma riguardo a questo monumento c'èra un modo di dire tra le persone anziane ,ed era questo'':SCENDI A GARIBA' CHE CE RISEMO''si usava dire quando le cose non andavano bene, quando c'erano divisioni politiche che inevitabilmente sfociavano nel far governare male il paese.
Secondo me! ci vorebbe anche adesso un Garibaldi per mettere daccordo tutti visto che gli Italiani non sanno proprio a che santo votarsi!! o votare.
Santo Berlusconi: con la sua santa alleanza confederata o a San Veltroni giovane (per modo di dire)Don Chisciotte del 2000 che da solo si prepara ad attaccare i suoi ''TASSISTI A VENTO'' ...OPS!! scusate: i suoi MULINI A VENTO.
Si penso sia proprio il caso di dire come una volta:-SCENDI DAL PIEDISTALLO E TORNA CARO GARIBALDI CHE CE'DI NUOVO BISOGNO DI TE PER FARE UNA ITALI NUOVA-ma purtroppo come GARIBALDI e i garibaldini non ci sono più in ITALIA.
E che il PADRETERNO ,qulunque esso sia ce la mandi buona.

Ciao
la Vs
OMBRA

7 febbraio 2008

Roma Sparita ''I Sampietrini ''



Cera una volta...

SANPIETRINI O SAMPIETRINO? è il nome dell'operaio che si occupa della manutenzione della basilica di San Pietro e anche per i custodi della basilica medesima, mentre con il nome di selciarolo o come dicono a Roma SERCIAROLO!! si indica colui che lavora sulla messa in posa dei sampietrini La denominazione dell'attuale sanpietrino nasce c.a. nel 1725, dopo che valutate pessime le condizione in cui versava Piazza San Pietro e dopo che il papa si era quasi:….. arivortato come si dice a Roma, con la sua carrozza ,si decise (VISTO CHE AR PAPA ALLORA CE TENEVANO, NO COME ADESSO, E ANNAVA DAPPERTUTTO,NO COME ADESSO PERCHÉ ROMA ERA SUA, NO COME ADESSO,CHE NUN È PIÙ DEI ROMANI ..MA DE UNO SOLO E CHE FA COME IE PARE ,ANCORA PE POCO. SPERIAMO) di lastricarla con i caratteristici blocchetti di basalto.Il termine di sanpietrino corrisponde quindi a un preciso taglio a quadruccio.Tutte le pavimentazioni di Roma antica sono fatte a quadruccio ,ma la gente preferisce utilizzare il termine più popolare sanpietrini. Fu durante il Papato di Sisto V credo! qualcuno mi corregga se sbaglio, che fù utilizzato maggiormente per come dire: ASFALTARE!! Roma perché si comportava meglio dei lastricati esistenti per quanto riguardava il passaggio dei carri. Questa pavimentazione ha il pregio di "lasciar respirare il terreno" grazie agli spazi tra un quadruccio e l'altro; inoltre si adatta molto facilmente all'irregolarità del terreno è molto resistente ed è permeabile all’acqua. I suoi lati negativi sono che non è uniforme e, se bagnato è scivoloso, rumoroso e inadatto a velocità sostenute ( MA QUESTI SÒ PROBLEMI CHE ALL’EPOCA NUN C’ERANO). Oggi si usa ancora per luoghi caratteristici del centro storico di Roma nei vecchi rioni: Borgo Pio Ponte, Regola, Campitelli Campo Marzio.Trevi Monti,nei vicoli del Ghetto in Trastevere e anche in vie importanti :esempio Via Nazionale ,Piazza Venezia .(SI DICE PURE CHE…MA NUN SO SE È VERITA!! CHE ALL’EPOCA LE’’’’ COME LE CHIAMANO OGGI … LUCCIOLE? VERSAVANO UNA MARCHETTA ALLA FABBRICA DI S.PIETRO OGNI CLIENTE ACCONTENTATO, PROPRIO PER LA PAVIMENTAZIONE DI ROMA) .OGGI NON PAGANO NIENTE .
Ciao
L’Ombra

3 febbraio 2008

Carnevale a Piazza Navona



Carnevale a piazza Navona è sempre pieno di fascino.
Passano gli anni cambiano le maschere, da quelle Romane di una volta :Gaetanaccio, Meo Patacca,Rugantino alle classiche fate fino a Zorro, ma è il fascino della piazza che le rende sempre attuali.
Adesso ci sono le maschere nuove:Tiburtello, Tufellino, e la Nuova Entrata di questo anno!! La Bella Romanina.
Che nostalgia sarà che gli anni passano.
Ma i buffoni stanno sempre là e sono sempre gli stessi.

Ciao

L'Ombra

Inviato da un lettore di Dillattutta

http://ie.youtube.com/watch?v=MGsXqzvwRv0
http://ie.youtube.com/watch?v=MGsXqzvwRv0&feature=related

.

http://ie.youtube.com/watch?v=MGsXqzvwRv0&feature=related

La VERITA' è questa.

Quando i sindaci e governanti devono mettere in secondo piano i problemi personali o mascherare qualche altra cosa più importante ,adesso è di moda attaccare i Tassisti vedi in Francia, a Parigi con. Sarco....coso, non mi ricordo il nome ma mentre convolava!! guarda caso i tassisti venivano attaccati e scendevano in piazza.
Sui giornali e in TV si parlava solo di quello e si glissava sul matrimonio dell'anno.
Libertè Egalité e FREGALITE!!!!!.
Tutto il mondo è un paese.
Ricordate, i problemi del paese, non sono questi! sono solo finte liberalizzazioni,
quelle serie che farebbero risparmiare il popolino ignaro si guardano bene dal farle ''sono interessi troppo grandi da toccare''.

Ciao

L'OMBRA

2 febbraio 2008

Una giornata nella antica Roma tra vicoli e palazzi.



Dura 4 minuti se vi và di vederlo?
Si può scaricare da YouTube.
Ciao
La Vs.
OMBRA

31 gennaio 2008

Roma sparita'I Vespasiani' una volta a Roma c'erano! Adesso te la puoi fare addosso.



Questa Foto, è di fine anni 6o e ritrae via dei Leutari al centro di Roma (Fa Parte del mio archivio non cercatene altre non ci sono).
Si vede benissimo un vecchio: Vespasiano, o come si dice oggi Gabbinetto pubblico.
All'epoca c'erano,in parecchie strade del centro storico, un pò esteticamente discutibili,le donne purtroppo non potevano farla....! ma almeno c'erano! adesso? te la puoi fare pure addossoooo!, a meno che? come minimo non ti prendi una Coca Cola in un BAR.
O no?
Ciao
La Vs.
Ombra

Vespa 50 :Sogno di adolescenti degli anni 70.



La mitica Vespetta 50,sempre verde,anzi a guardare bene il verde ci cresce sopra: più ecologica di così!
Fotografata a Trastevere.

Ciao L'Ombra

P.s.vedi il particolare del sedile sta fiorendo.

27 gennaio 2008

Questa é la verità ''Corsia Taxi a Roma alle otto di mattina''.



Il Nostro caro Bersani dopo la caduta di questo governo, lo ricorderemo solo per la liberalizazione dei Taxi ,a Roma solamente ,vendetta politica e basta! solo perchè eravamo gli unici che dicevamo la verità non erano quelle le cose importanti per l'Italia e si è ''Visto''?

24 gennaio 2008

Siamo tutti in MUTANDE!!! e c'è chi ancora non ci crede!!!





E si! Sig''.. questo governo ci ha ridotto in mutande ,a tutti (sù per giù)e chi ancora le mutande ce le ha è fortunato.
Pensare che ci lamentavamo dei tempi di Bettino Craxi & Compagnia bella.
A questa 'poveraccia' non gli sono rimaste più nemmeno le mutande!!!,guardare per credere l'ho fotografata giorni fà in tempi non sospetti quando dicevano che andava tutto bene,ma i fatti almeno non smentiscono questa poveraccia.
Speriamo che il prossimo governo gli restutuisca le mutande!! e a tutti noi un pò di ranquillità per arrivare a fine mese almeno a quei poveracci di operai che con 1200
euro devono fare tutto.


ciao

L'ombra

Parcheggi TAXI a Roma



Dove sono i Vigili che dovrebbero controllare.

Corsi preferenziali a ROMA

23 gennaio 2008

Il bello di Roma - Piazza Navona - La fontana dei Fiumi.




A piazza Navona, c’è na fontana in mezzo, quella che co l’obelisco a punta, e che ogni statua fa presente a un fiume, se ce fate caso, da la parte che stà de fronte a la chiesa de Sant'Agnese, c'è una statua che stà tutta spaventata e co' la mano pe l’aria è come se s'ariparasse er grugno dar campnile de la chiesa, per dilla breve come se ie stasse lì lì pe' cascaie addosso.

Mbè' sapete che vór dì' quella posizione de spavento?

È uno scherzo der Bernini, l'architetto de la fontana, contro er Boromini, l'architetto ch'ha fatto la facciata de la chiesa de Sant'Agnese.

Boromini però! pe vendicasse, che fece? Ie fece un antro scherzo.

Infatti, fatece caso, su in cima de la chiesa da la parte in dove guarda quella statuona spaventata, cià messo una bella statua de Madonna tutta in pietra de prima qualità.

Così che pare che la statua der Bernini se spaventi ner vedere la Madonna, invece de er fatto che er campanille penne in avanti.(cosa che solo n’occhio clinico s’accorge)

Er fatto è chè allora come adesso, li potenti de qualsiasi specie, non se potevano vede e fra architetti specialmente! per gelosia de mestiere.

Ciao la
Vs.
OMBRA

20 gennaio 2008

A Ognuno la sua CROCE

E si è proprio vero: tutti portiamo sulle spalle una croce (questo signore proprio di fatto l’ho fotografato questi giorni al centro di Roma disperato)forse pensava a questo governo che è diventato una vera croce..
Adesso la croce degli Italiani è il nostro caro Prodi che ha detto
‘’l’Italia non è più in crisi’’, ma se lo dice Lui! poi il tg.! una volta dice che l’Italia va meglio un’altra che siamo tutti più poveri,poi no,poi non paghiamo più i mutui, non ci sono più soldi nelle tasche degli italiani, poi a natale se semo spesi tutto, poi i saldi sono andati male,la fiat ha venduto il doppio delle auto ,ma !chi ci capisce è un mago.
Ma dove vivono i nostri cari governanti? mi sorge il dubbio…. che abitino in una roulotte? Magari in Romania ! ma no per loro va tutto bene! ma perchè non si fanno una bella passeggiata nelle periferie, nelle borgate, ai mercatini rionali dentro gli uffici postali negli ospedali, per sentire i problemi degli italiani, che non arrivano alla fine del mese, ( indeboliscono tutte le categorie dai commercianti agli artigiani compresi gli impiegati) dice che abbasseranno le tasse! si ma dopo averle aumentate però nel 2008 non si può (nel 2009 chissà se ci saranno ancora).
Benzina , luce, gas, assicurazioni,costano sempre più senza metterci le zucchine i peperoni i broccoli il pane il latte e etc.etc. . Non solo!in tv ci fanno vedere gente che và all’estero, a Cortina in settimana bianca la Bruni e Sarcosì o Sarcosà, come se scrive? So solo che ci vorrebbe un po’più di rispetto per chi vive di stipendio .
I quiz in tv che regalano soldi a gente che sembra comune e che poi viene fuori che sono raccomandati da chissà chi.
Mi vien da dire al caro Bersani ma che aspetti a fare le vere liberalizzazioni: 4 euro!!! di tasse.. sig’’ per fare due versamenti alla posta e un’ora di fila! altro che Taxi :bisognerebbe far vendere cavoli e broccoletti a tutti gli immigrati così risolviamo il problema dei prezzi degli *ortaggi vostri, e de tutti l’Italiani che v’hanno votato* e che ormai non sanno più a che santo raccomandarsi magari si consolano prendendo il TAXI! che ormai sono tanti e costano poco !! ma attenzione a prendere i treni con quello che costano! chiedetelo ai pendolari !!
Gli Americani dicono che siamo diventati tristi, vorrei vedere loro! Veltroni e Berlusca’’ a pappa e ciccia’’Prodi che vive su un altro mondo la sinistra che non c’è più la destra che non si sa dovè che stà , er Papa che è diventato permaloso e soprassiede, sò tornati pure i sessantottini! la mondezza a Napoli!!(due PALLE!! a Piazza de Spagna) Draghi con la triplice , Casini.. vari etc. etc. c’è poco da stare allegri.
Sapete che vi dico? che la croce che porta sto poraccio sulla spalla è poca cosa ,in confronto al peso che sopportano gli italiani tutti i giorni.

Ciao
Che Dio ci aiuti
La Vs. OMBRA

14 gennaio 2008

Il bello di ROMA --Castel Sant'Angelo-- Ce sò più teste a ponte che cocomeri al mercato.




La notte.

Ce so’ più teste a ponte che cocomeri al mercato .
Era un modo di dire dei romani del 700, o giù di lì, perchè non tutti sanno che a Roma quando venivano tagliate le teste ai condannati a morte venivano messe in mostra su ponte Sant’Angelo, per far vedere ai pellegrini che a Roma non si scherzava e la legge andava rispettata, non solo! ponte Sant’Angelo è stato il primo ponte a Roma dove venne applicato il senso unico alternato per via della quantità di pellegrini che lo passavano per andare a San Pietro. Davanti a questo ponte una ventina di anni fa all’alba ho scattato questa foto che lo ritrae da dove abitava “mastro Titta er Boia de Roma’’, andava a lavorare proprio dall’altra parte del ponte a Castel Sant’Angelo dove c’era il patibolo , ci si arrivava da via Giulia, dove c’erano le carceri , passando poi per via di Panico (che pare si chiami così perché i condannati arrivati lì, vedendo il patibolo venivano colti dalla paura o meglio dal pànico ) e… una volta passato il ponte …..zac!!! era fatta, e credo che all’epoca dovevano vederlo più o meno così ,come l’ho visto io.
Altri tempi!! diceva er vecchio ,adesso per mettece tutte le teste dovrebbero triplicarlo er ponte.

Ciao a tutti
La Vs.
OMBRA

P.S. però e’ bello e a vederlo bene mette un po’ paura. Io ce metterei dentro ……….i politici di oggi :tutti no però












11 gennaio 2008

Benedetto:dice! ''Roma al degrado''Er sindaco risponde:Noooo! va tutto bene L'Ombra dice ''giustamente'': Ao! gudicate un pò voi?




















Siamo :Della--NULLA SFUGGE--e teniamo un cane,per quello che ci sfugge.Documentiamo.
Ciao Sò Tornato uno stent in più ma stò sempre con voi.


L'OMBRA





















Archivio blog