Di Piccionetti Stefano

Far vedere una ROMA invisibile, quella ROMA che ci scorre davanti agli occhi tutti i giorni ma non notiamo mai.


Le mie Foto


http://picasaweb.google.com/PiccionettiStefano/RomaInTaxi?feat=directlink


I miei video


http://it.youtube.com/dillatutta



Informazioni personali

Campo de Fiori, Roma, Italy
Romano de Roma 52 anni due infarti nove Stent. Rugantino dalla nascita ..Mai dòmo

13 agosto 2008

Riguardo alle polemiche sulle carrozzelle Romane.


Riguardo alle polemiche sulle carrozzelle Romane.
(sicuramente c’è qualche altra cosa sotto)

Prima Puntata.

Come era buono quel cavallo de nonno!!

Poco tempo fa si parlava male dei Tassisti :ladri ,approfittatori,addirittura assassini.
Ora si parla male dei vetturini Romani:si approfittano dei turisti ,chiedendo cifre stratosferiche,forse? (ma poi questi turisti così fessi esistono ancora?) dicono che sfruttano i cavalli etc.etc.
Che vuol dire sfruttano i cavalli per tirare le carrozzelle? Ma i cavalli sono migliaia di anni che tirano le carrozze e non inquinano,ora tutto d’un tratto,non lo possono più fare è sfruttamento!ma il cavallo è nato per fare il cavallo e nelle sue particolarità c’è pure quella di tirare la BOTTICELLA Romana .( e poi qualcuno s’è mai chiesto che ne pensano i cavalli, allora è peccato anche farli correre nei velodromi, montarci sopra la domenica solo per hobby e addirittura mangiarseli.
Mio nonno faceva Er’’Vetturino’’ e vi assicuro che il cavallo era uno di famiglia veniva prima di ogni altra cosa, e quando si ammalava era una disgrazia piangevamo tutti oltre al dispiacere anche dalla fame. Ricordo quando mio nonno staccava dal lavoro passava a casa e caricava tutti i nipoti (eravamo sei) sulla carrozzella per andare alla stalla montavamo sul cavallo lo carezzavamo gli facevamo di tutto e lui era contento ,sentiva il nostro affetto, specialmente quando lo strigliavamo e lo foraggiavamo, si strofinava addosso come un gatto, dalla gioia, era felice quel cavallo v’assicuro,
infatti si chiamava GIOIA.
Quando è morto è stata una tragedia “ era morto uno di famiglia”.
L’unica cosa che ci rimase fù il ricordo, seppi poi che la coda ( fù fatta alla vaccinara da nonna ) un paio di ferri dei zoccoli appesi per portafortuna fuori la porta, si fece qualche soldo della carcassa della bestia che venne e riciclata per fare sapone, bottoni e altre cose nei laboratori che c’erano a testaccio sotto al monte dei cocci dove adesso ci sono i locali notturni.
Poi a mio nonno diedero un Taxi al posto della carrozzella ,ma era tutta un’altra cosa: non nitriva non gli dava i mozzichetti sulle spalle non andava a biada ma a BENZINA e non produceva concime,e soprattutto, non ci potevi parlare e a noi nipoti non ci riconosceva però FUMAVA da dietro e puzzava più der Cavallo eeee!….. non era cacca ………….
…………………………………………ERA INQUINAMENTO.
Era cominciato IL MODERNISMO Romano quello delle canzoni.

Ciao L’Ombra
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------