Di Piccionetti Stefano

Far vedere una ROMA invisibile, quella ROMA che ci scorre davanti agli occhi tutti i giorni ma non notiamo mai.


Le mie Foto


http://picasaweb.google.com/PiccionettiStefano/RomaInTaxi?feat=directlink


I miei video


http://it.youtube.com/dillatutta



Informazioni personali

Campo de Fiori, Roma, Italy
Romano de Roma 52 anni due infarti nove Stent. Rugantino dalla nascita ..Mai dòmo

4 dicembre 2007

Campo dè Fiori e... 'C'era na vorta Orazio Pennachioni'

Come è
Come èra

Negli anni sessanta andava in onda su rai 1 una celebre trasmissione chiamata Campo de Fiori dove un ragazzino impunito recitava una canzoncina che faceva approssimativamente così: Io sò Orazio Pennacchioni e sò contento so tifoso della Roma e mene vanto…..etc. etc.
Andava in onda verso le due del pomeriggio prima del calcio minuto per minuto e parlava di tutto. Era ambientata a Campo de Fiori quello de na vorta quello dei banchi dei pescivendoli ‘’der baretto der sor toto’’ vicino al cinema Farnese detto allora er pidocchietto alternativa ai cinema parrocchiali per noi adolescenti all’epoca .
Poi vennero gli Yppi ,i figli dei fiori , per l’appunto a Campo de Fiori con contorno di chitarre e di spinelli …scandalo dell’epoca per quelli che come mia madre e mio nonno avevano conosciuto un’altra Roma ,ma a pensarci bene in confronto ai tipi che frequentano adesso Campo de Fiori la notte e alle bande notturne di vandali che si ubriacano litigano sfasciano bottiglie fanno a botte e pipì agli angoli intorno alla piazza, quell’Yppi dell’epoca erano ‘’angioletti co l’aureola’’ rispetto a questi’. Si! tutto sommato non rompevano l’anima a nessuno, due spinelli na schitarrata e s’appennicavano e poi pe ‘’dillatutta’’ se ne andavano a morì da soli senza fa male a nessuno con una leccata di LSD (il crac dell’epoca ).
Adesso sta piazza detto tra de noi la sera è uno schifo e se tornasse Giordano Bruno morirebbe da solo senza bisogno der ‘’foco purificatore’’ se vedesse il suo monumento circondato da sti loschi figuri e quer papa de allora Clemente VIII (Aldobrandini quello che fece amazza pure Beatrice Cenci) che lo condanno, sicuramente ‘’darebbe foco a tutta la piazza’’, tra un caffè e l’altro.
In queste due foto una anni 70 e una adesso potete vedere la metamorfosi della piazza
Non più luogo di aggregamento del popolo come na vorta ma di un’orda di moderni LANZICHENECCHI a cavallo di motorini rumorosi fino alle cinque di mattina

Ciao
La Vs.
Ombra che cammina,